Urban_Cosmographies

Ricerche sull'innovazione urbana

 

Palermo Cosmopolita. Indagine sul futuro della città

L’ipotesi di partenza della ricerca è che il cambiamento delle città contemporanee sia sempre più legato alle reti ed i flussi di capitali, persone, conoscenze e competenze. In altre parole, le grandi città sono cosmopolite in quanto incrociano dei riferimenti, degli investimenti, delle traiettorie le cui origini sono sempre più diversificate. Si può quindi parlare di un “regime urbano cosmopolita” che si manifesta nelle forme di governo locale e nel tessuto urbano. Un regime che richiede attori sociali in grado di gestire questi riferimenti culturalmente diversi.

La ricerca, cofinanziata dalla Fondazione Banco di Sicilia, si è svolta tra il 2007 e il 2009 e ha descritto i cambiamenti recenti del tessuto urbano di Palermo, concentrandosi su luoghi e oggetti connessi a scambi internazionali.

A partire da questa prospettiva, l'indagine su “Palermo cosmopolita” ha preso in considerazione forme urbane e attori del cosmopolitismo presenti nella città di Palermo nell'arco di circa quindici anni, tra il 1992 e il 2007.

Palermo è una città economicamente e culturalmente marginale; il suo passato (e per alcuni aspetti significativi anche il suo presente) sono segnati da politiche pubbliche di basso profilo, dalla gestione clientelare del consenso e dallo sfruttamento del patrimonio urbano in chiave speculativa attraverso la violenza e la corruzione.

Tuttavia, a partire dalla cosiddetta “primavera di Palermo”, si apre una stagione politica caratterizzata dal tentativo di ricostruire l'identità della città e da un nuovo approccio nei confronti del centro storico e delle politiche urbane. Così, insieme all'attenzione per l'immagine della città nell'arena internazionale emergono elementi di novità che ci permettono di reinterpretarne la storia recente nella prospettiva cosmopolita. Il libro esito della ricerca mette a fuoco i differenti regimi urbani che si sono succeduti nel capoluogo siciliano negli ultimi due decenni muovendo dalle rappresentazioni del cambiamento di cui sono portatori soprattutto coloro che - nelle vesti di committenti, progettisti, gestori dei luoghi dell'innovazione urbana - sono oggi attori di una nuova, controversa, fase della storia della città.

In particolare, si è trattato di individuare e approfondire la conoscenza di alcune significative trasformazioni urbane e degli ibridi prodotti dalle interazioni cosmopolite tra locale e globale. Ciò ha permesso di mostrare, attraverso alcuni esempi specifici, il rapporto tra flussi di persone, idee, capitali e le nuove forme urbane nella città.

La ricerca, condotta mediante analisi desk, ricognizione di indagini preliminari e indagine sul campo con metodo etnografico, si è concentrata principalmente su:

- L’analisi dell’evoluzione recente al livello del contesto e del governo locale

- L’analisi dell’evoluzione recente dei flussi e delle forme urbane

- L’analisi dettagliata di un campione di luoghi e artefatti rappresentativi dell’impatto della globalizzazione sul tessuto urbano.

 

L'indagine ha coinvolto tre categorie di testimoni privilegiati:

- Opinion leader e policy maker (attori istituzionali; imprenditori; esperti; intellettuali);

- Attori coinvolti nella concezione, circolazione, uso degli artefatti (progettisti; realizzatori; committenti; gestori; fruitori/clienti);

- Stranieri residenti a Palermo (professionisti, artisti, studenti, uomini d’affari)

Nel corso della ricerca l'attenzione si è concentrata su alcuni tra quei luoghi e artefatti urbani che in maniera più significativa testimoniano dei processi di ibridazione cosmopolita presenti nella città. Il risultato è una mappa di artefatti urbani appartenenti alle categorie rappresentative della modernizzazione delle città contemporanee:

- Riconversioni del patrimonio di archeologia industriale

- Progetti di riuso del patrimonio monumentale

- Alberghi e bar a design internazionale

- Spazi pubblici

- Centri culturali multifunzionali

Il libro

Tra gli esiti della ricerca vi è il volume di

Ola Söderström, Debora Fimiani, Maurizio Giambalvo, Simone Lucido, Urban Cosmographies. Indagine sul cambiamento urbano a Palermo, Meltemi 2009

Il libro analizza artefatti localizzati soprattutto nel centro storico della città; ricostruisce le biografie dei luoghi e le loro estetiche di reinvenzione del locale in chiave cosmopolita, indagando la complessa relazione con l'antico, con le forme architettoniche del passato e con i significati che queste incarna(va)no.

 

> vai alla scheda libro

urban cosmographies

Recensioni

Paola Nicita, LA CITTÀ CHE CAMBIA TRA SEGNI DIFFORMI

(La Repubblica — 05 marzo 2010)

Dajana Tomassi, Palermo città aperta? Urban Cosmographies: globalizzazione e marginalità nel capoluogo siciliano.

(Conquiste del Lavoro - 27 febbraio 2010)

> schede sintetiche dei luoghi analizzati

 

HOME

 

urban cosmographies è un progetto di Next nuove energie per il territorio

presentazione del volume urban cosmographies a Palermo

Ola Söderström, Debora Fimiani, Maurizio Giambalvo, Simone Lucido
Urban Cosmographies. Indagine sul cambiamento urbano a Palermo

acquista on line a soli 15 €
(prezzo di copertina 28 €)
spese di spedizione incluse
Puoi pagare con qualsiasi carta di credito tramite il sistema Paypal, veloce e sicuro

urban cosmographies